Villaggio Globale

Villaggio Globale, mediante un sistema di articoli connessi fra loro e scritti da scienziati, docenti universitari o da divulgatori specializzati, affronta su argomenti monotematici i problemi che preoccupano l’attuale società e stanno mettendo in pericolo la vivibilità delle generazioni future.

Territorio

Studiare di più i vulcani che «dormono»

Comprendere i processi che avvengono all'interno dei vulcani quiescenti che presentano evidenze di «risveglio», come i Campi Flegrei, al fine di intensificare ulteriormente le attività di sorveglianza e di ricerca scientifica nel settore. È quanto si prefigge lo studio di un team di ricercatori italiani e francesi, coordinato dall'Ingv. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su «Nature Communications»

[...]

Letto 4014
0
Commenti
Leggi tutto

L'Alta Murgia da «esplorare» con web-Gis

È attivo il nuovo servizio del Parco nazionale. Fruibile anche su smatphone e tablet, adotta un'interfaccia estremamente semplice con strati informativi completi. È possibile attivare numerose funzionalità per ottenere, tra l'altro, informazioni di misure in mappa, stampare in formato .pdf, accedere alle informazioni attributo degli strati informativi, leggere le coordinate geografiche

[...]

Letto 3729
0
Commenti
Leggi tutto

Dinamica fluviale in ambito urbano, 50 anni dall'alluvione di Firenze

L'iniziativa, articolata in tre parti: la prima di carattere generale «Corsi d'acqua, urbanistica e quadro normativo in Italia» sul tema dei corsi d'acqua, di come è cambiato il quadro normativo, della Pianificazione territoriale e i Contratti di Fiume, la seconda consistente in una tavola rotonda dal titolo «La città fragile. Difendersi dalle acque» e la terza parte, di carattere tecnico-scientifica, «La città e il Fiume» dedicata ad alcuni casi di studio in Italia

[...]

Letto 4491
0
Commenti
Leggi tutto

A proposito di sismicità indotta

Alcuni lettori, a latere della nostra intervista sui terremoti indotti, ci hanno sollecitato approfondimenti a proposito del caso della geotermia stimolata e se il sisma sul monte Amiata fosse stato causato dall'attività di sfruttamento geotermico dell'Enel. Per quanto ci riguarda, non abbiamo veramente nessun motivo per controbattere alle testimonianze di sismicità debole nell'area dell'Amiata

[...]

Letto 4508
0
Commenti
Leggi tutto

Gli strumenti per prevenire sismicità indotta e subsidenza

«Il punto importante, ora, non è il se queste situazioni esistano ma il come gestirle con lo scopo di permettere che le attività di approvvigionamento di risorse dal sottosuolo possano essere svolte in sicurezza». Il fracking e la geotermia stimolata in Italia non sono consentite. La reiniezione delle acque reflue in profondità al di fuori del volume del giacimento è stata attuata presso il pozzo Costa Molina 2 in Val d'Agri

[...]

Letto 7571
0
Commenti
Leggi tutto

La Puglia senza cartografia geologica

In Italia il progetto CARtografia Geologica, avviato nel 1988, copre appena il 50% del territorio. Della Puglia abbiamo scoperto ancora l'80% del territorio. In Italia delle 28 sedi dove si registrava la presenza dei Dipartimenti universitari di Scienze della Terra sono rimasti attivi solo 8

[...]

Letto 6080
0
Commenti
Leggi tutto

Sentinel-1 «fotografa» il terremoto

Ricercatori del Cnr e dell'Ingv hanno rilevato le deformazioni del suolo causate dall'ultimo evento sismico del 30 ottobre attraverso le immagini radar dei sensori della costellazione Sentinel-1 del Programma europeo Copernicus. I risultati, seppur preliminari, mostrano una deformazione che si estende per un'area di circa 130 chilometri quadrati e il cui massimo spostamento è di almeno 70 cm, localizzato nei pressi dell'area di Castelluccio

[...]

Letto 4306
0
Commenti
Leggi tutto

Scosse senza fine e non è finita...

Riflessioni scientifiche su quanto sta accadendo. I terremoti al sud... ma il Marsili non c'entra. Ma dal punto di vista giuridico emergono molte carenze: si stanno facendo chiudere i Dipartimenti di Scienze della Terra e si costringono i centri di ricerca a lavorare al limite della sopravvivenza. In Puglia, che erroneamente è esclusa da una certa pericolosità, oltre l'80 % del territorio non ha una cartografia geologica aggiornata, elemento fondamentale per gli opportuni studi di [...]

Letto 3930
0
Commenti
Leggi tutto

Una catena appenninica in evoluzione

«La forte scossa di terremoto percepita nell'Italia centrale rientra, purtroppo, in una dinamica possibile quando si verificano fenomeni come quello che ha avuto il suo momento di più tragico impatto lo scorso 24 agosto. Restano da definire con notizie più precise l'epicentro e la profondità dell'ipocentro. Un'ipotesi, se verranno confermate le prime informazioni, è che si tratti dell'attivazione di una nuova faglia, probabilmente legata verso Nord a quella che ha generato la scossa dello scorso [...]

Letto 3342
0
Commenti
Leggi tutto